La storia dei vini di Gianni Gagliardo ha radici antiche e bisogna risalire alla metà del 1800 quando per la famiglia Colla, una delle più antiche e rinomate del Barolo, fare il vino era un’arte e una passione. Col passare del tempo i vini prodotti da questa famiglia diventano sempre più conosciuti e raccontano in pieno la vera anima del territorio.

Nel 1973, con il matrimonio tra  Marivanna Colla e Gianni Gagliardo, l’Azienda vinicola acquista nuova creatività e nuove competenze. Gianni infatti, inizia a studiare ogni appezzamento, apprende le caratteristiche del suolo e del territorio, e porta ad 11 le vigne da cui viene prodotto il vino che in seguito prenderà il suo nome.

Poderi Gianni GagliardoÈ proprio la grande varietà dei terroir da cui provengono le uve dei vini dei Poderi di Gianni Gagliardo ad essere la caratteristica unica del sapore e degli aromi di queste bottiglie. Si tratta di 11 piccoli appezzamenti, per un totale di 30 ettari vitati, sparpagliati tra i comuni di La Morra, Barolo, Monforte d’Alba e Serralunga d’Alba per quanto riguarda la zona di Barolo e il comune di Monticello d’Alba nel Roero.

Ogni vigneto ha un ambiente pedoclimatico particolare, complesso ed irripetibile e, proprio per rispettare le sue caratteristiche uniche, ogni appezzamento viene vendemmiato e vinificato separatamente. Inoltre, per far risaltare le peculiarità dei singoli vigneti, non vengono aggiunti lieviti ma vengono utilizzati solo quelli già presenti nelle uve.

L’assemblaggio dei vini avviene solo in un secondo momento in modo da inserire in ogni bottiglia un blend unico capace, dopo un attento affinamento in botti di rovere, di rendere indimenticabile ogni sorso.

Per ottenere vini di così alto livello è necessaria un’attenzione particolare a tutte le fasi di produzione del vino. Si parte dalla vigna che viene attentamente curata, quindi la vendemmia in cui si effettua una selezione delle uve da raccogliere ed infine la vinificazione in cantina in cui, oltre ad usare solo lieviti indigeni, non si effettua la filtrazione ma solo un illimpidimento grazie ai freddi inverni di queste colline. Inoltre si cerca di limitare in cantina l’utilizzo di macchinari e pompe, che rischiano di compromettere le caratteristiche organolettiche del vino, e sfruttare al massimo la forza di gravità per il trasferimento del prodotto.

La selezione dei vini di Poderi Gianni Gagliardo

I Poderi Gianni Gagliardo si presentano sul mercato con un’ampia scelta di bottiglie che raccontano in pieno le caratteristiche uniche e particolari dei territori di Barolo e Langhe. L’uva principe è sicuramente il Nebbiolo, in tutte le sue sfaccettature, anche se non mancano piacevoli sorprese a base Barbera, Dolcetto e Favorita.

Preve – Barolo DOCG e Barolo Riserva DOCG

La selezione dei vini di Poderi Gianni GagliardoLe uve con cui prende vita il Barolo Preve nascono principalmente nel vigneto di Lazzarito di Serralunga d’Alba, proprio per trasferire al vino tutte le caratteristiche uniche di questo appezzamento. Naso variegato,  si apre con eleganti sentori speziati e di frutta rossa matura. In bocca è complesso con un gusto netto che fa sentire tutta la forza del vitigno e del territorio. Persistenza molto lunga con ritorni speziati.

Il Barolo Preve Riserva viene prodotto solo in grandi annate che ne giustificano il carattere unico. In questo caso l’affinamento in bottiglia prolungato regala alla bottiglia una complessità e varietà di sapori da posizionarlo tra i migliori Barolo in commercio.

Serre – Barolo DOCG

Il Barolo Serre è un blend di vini che provengono da diversi vigneti (Monforte d’Alba, Barolo e Serralunga d’Alba) ognuno artefice nel creare una complessità organolettica variegata. Al naso siamo accolti da aromi di fiori secchi, frutta rossa e speziatura di pepe e chiodi di garofano. In bocca si fa sentire il suo importante grado alcolico che risulta comunque ben bilanciato con le altre caratteristiche del vino. Chiusura piacevolmente sapida nel finale.

La Matta – Barbera d’Alba Superiore DOC

Le vigne della Barbera d’Alba La Matta si trovano nelle colline di Monforte e Monticello d’Alba e donano al bicchiere profumi di frutta rossa, speziati e leggermente balsamici. In bocca l’alcolicità e l’acidità sono piacevolmente bilanciati e si supportano fino alla chiusura.

Per maggiori informazioni sui vini visita il sito dell’Azienda Poderi Gianni Gagliardo.

Acquista i vini dell’Azienda Poderi Gianni Gagliardo sul sito Byvino.

Segui Guido Cocozza l’autore dell’Enoblog Enologica Petrillo su Google+

Tags:

Lascia un Commento