Le etichette del vino sono veramente importanti in una strategia di marketing completa? Quanto è influenzato il consumatore dall’etichetta della bottiglia di vino?

La qualità del vino è sempre più elevata, sono migliaia le cantine di tutto il mondo che producono vini di alto livello e sono sempre più numerosi i paesi emergenti che invadono il mercato con bottiglie che nulla hanno da invidiare a quelle prodotte nel vecchio continente.

Oggi le riviste enologiche, le guide enogastronomiche, internet e i social network possono aiutare il consumatore appassionato ad informarsi prima di acquistare una bottiglia di vino, ma la maggior parte dei consumatori occasionali non ci capisce quasi nulla e rimanda la scelta dell’acquista all’ultimo momento quando si trova in enoteca o nel supermercato. Il problema è che si trova di fronte a centinaia, se non migliaia, di etichette di vino diverse e sceglierne una è veramente complicato.

L’importanza delle etichette del vino nell’acquisto

L’importanza delle etichette del vino nell’acquisto

L’importanza delle etichette del vino nell’acquisto

Numerosi studi di marketing del vino hanno però dimostrato che la maggior pare dei consumatori acquista una bottiglia giudicandola dall’etichetta e non dal vino in essa contenuto. Da qui l’importanza per le cantine di avere etichette di vino attraenti e che possano convincere l’acquirente sulla bontà del loro vino.

Inoltre una bella etichetta di vino riesce ad influenzare anche gli esperti di vino che, a causa del gran numero di bottiglie in commercio, è impossibile che conoscano tutti i produttori del mondo. Infatti le degustazioni di alto livello vengono fatte “alla cieca”, ossia le bottiglie sono coperte in modo che la forma della bottiglia e la grafica dell’etichetta non influenzi il giudizio degli esperti intenditori.

Queste informazioni sono fondamentali per un produttore di vino che sta pianificando una strategia di marketing integrata che non può prescindere dal corretto investimento nel packaging (bottiglia ed etichetta).

Etichetta di vino perfetta?

Etichetta di vino perfetta?

Etichetta di vino perfetta?

Esiste l’etichetta del vino perfetta adatta a tutte le occasioni? Assolutamente no, perché i mercati oggi sono mondiali ed ogni paese va gestito in maniera differente. È per questo motivo che le grandi multinazionali del vino imbottigliano lo stesso vino in bottiglie con etichette diverse a seconda del paese in cui stanno esportando la loro produzione. Magari una etichetta di vino che viene considerata di lusso in un paese può rappresentare un prodotto di basso livello in un altro.

Comunque una etichetta di vino dovrebbe inviare le corrette informazioni al consumatore riguardo:

  • il vino contenuto nella bottiglia,
  • la storia dell’azienda produttrice,
  • le caratteristiche del territorio di provenienza.

Ricordate che nello scaffale l’etichetta della bottiglia di vino è il biglietto da visita del produttore e da questa il consumatore si fa una prima impressione sul suo contenuto. E, come spesso si dice, non c’è una seconda possibilità di fare una buona prima impressione.

Etichette di vino ed etichettatrici

Etichette di vino ed etichettatrici

Etichette di vino ed etichettatrici

Ormai abbiamo capito l’importanza di applicare una bella etichetta al vino e ad affidarci ad aziende di marketing del vino esperte e professionali in grado di soddisfare le esigenze della nostra cantina e del mercato. Ovviamente risulta fondamentale per tutte le cantine, grandi e piccole, di dotarsi dei macchinari giusti per la corretta applicazione delle etichette del vino, ossia le etichettatrici per bottiglie.

Quali caratteristiche dovrebbe avere una etichettatrice di qualità? Essere affidabile, precisa anche per alte produzioni, automatizzata, alta velocità di produzione, velocità e semplicità di cambio formato.

Sul portale di Enologica Petrillo abbiamo una sezione interamente dedicata alle etichettatrici per bottiglie usate in cui puoi trovare il macchinario enologico in grado di soddisfare le esigenze della tua cantina.

Segui Guido Cocozza l’autore dell’Enoblog Enologica Petrillo su Google+

Tags:

Lascia un Commento