I filtri per vino sono sofisticate macchine enologiche utilizzate in cantina per la filtrazione del vino al fine di chiarificare il prodotto e separare le parti solide da quelle liquide.

Ricordiamo che esistono due modalità diverse per filtrare il vino, la filtrazione tangenziale e la filtrazione frontale. Nella filtrazione tangenziale la direzione del liquido da filtrare è parallela alla superficie di filtraggio e, grazie ad una differenza di pressione tra le due aree separate dal filtro, parte del liquido limpido oltrepassa la superficie e la restante con le particelle in sospensione viene rimessa in circolo. Nella filtrazione frontale, invece, la direzione del liquido è ortogonale alla superficie.

Tra i due metodi di filtrazione sicuramente quella tangenziale è più efficiente in quanto le parti solide non si accumulano sulla superficie del filtro mantenendo invariate le sue caratteristiche nel tempo.

A seconda della tecnica di filtrazione utilizzata abbiamo in commercio una vasta gamma di filtri per vino:

  • filtri pressa (o filtri a piastre)
  • filtri per vino rotativi sottovuoto
  • filtri per vino tangenziali. 

Filtri pressa (o filtri per vino a piastre)

Filtri pressa (o filtri per vino a piastre)

Filtri pressa (o filtri per vino a piastre)

I filtri pressa (o filtri per vino a piastre) sono formati da una serie di piastre e telai che si alternano tra cui viene posto uno strato filtrante. I filtri pressa sono costituiti dai seguenti elementi:

  • una struttura, in genere in acciaio inox, su cui vengono montate le piastre e gli strati filtranti,
  • una testata fissa all’inizio del filtro, da cui avviene l’ingresso e l’uscita del prodotto da filtrare, ed una testata mobile alla fine del filtro,
  • un insieme di piastre, in acciaio inox o plastica per alimenti, su cui vengono montati gli strati filtranti dotati di scanalature per lo scarico del filtrato.

I quattro angoli di ogni piastra e di ogni telaio sono forati in modo che quando la macchina viene compressa vi possa scorrere il liquido da filtrare e far defluire il liquido filtrato. Attraverso dei piccoli canali paralleli alla piastra ogni foro è in comunicazione con la parte centrale della piastra.

Come avviene la filtrazione del vino in un filtro pressa?

  1. il prodotto da filtrare viene inserito nel filtro per vino dalla testata e viene fatto fluire nei fori delle piastre che formano un condotto di alimentazione,
  2. attraverso i piccoli canali il vino passa nella parte centrale della piastra entrando in contatto con gli strati filtranti,
  3. il vino viene filtrato grazie alla differenza di pressione tra le due aree contigue di ciascun strato filtrante e viene convogliato dalla superficie drenante della piastra verso la condotta di uscita.

I filtri pressa per vino hanno numerosi vantaggi che li rendono sempre utili in cantina:

  • sono molto versatili e lo stesso filtro può essere usato sia per la filtrazione di sgrossatura e sia per l’illimpidimento del vino. Queste differenti operazioni si possono ottenere variando la tipologia degli strati filtranti,
  • costo contenuto rispetto alla grandezza della superficie filtrante,
  • semplicità di funzionamento con bassa manutenzione.

Filtri per vino rotativi sottovuoto

Filtri per vino rotativi sottovuoto

Filtri per vino rotativi sottovuoto

I filtri per vino rotativi sottovuoto sono costituiti da un tamburo cilindrico orizzontale con la superficie forata in acciaio inox in grado di ruotare sul proprio asse e parzialmente immerso in una vasca in cui è contenuto il liquido da filtrare. Completano il tutto un elemento per la formazione del vuoto, una pompa per estrarre le parti solide dall’interno del cilindro, una lama raschiante per pulire la superficie filtrante.

Di seguito il funzionamento dei filtri per vino rotativi sottovuoto:

  1. il liquido da filtrare viene immesso nella vasca,
  2. il liquido attraversa lo strato filtrante grazie al vuoto che viene prodotto e quindi inviato al serbatoio esterno,
  3. la lama raschiante elimina le particelle solide che si sono depositate sulla superficie del cilindro.

Filtri per vino tangenziali

Filtri per vino tangenziali

Filtri per vino tangenziali

La filtrazione tangenziale è molto efficace e permette di ottenere una perfetta chiarificazione del vino anche se il prodotto presenta grandi quantità di particelle in sospensione.

I filtri per vino tangenziali sono costituiti da una certa quantità di contenitori dove vengono inseriti gli elementi filtranti, una pompa per garantire il flusso del prodotto da filtrare ed un’altra per il ricircolo all’interno del filtro. I filtri per vino tangenziali di ultima generazione possono montare membrane ceramiche garantendo sempre una piena efficienza e una conservazione delle proprietà organolettiche del prodotto.

Filtri per vino usati

Sul portale Enologica Petrillo potrai trovare una vasta scelta di filtri per vino usati e garantiti che mantengono la qualità e le caratteristiche dei prodotti nuovi. 

Vai alla sezione dedicata ai filtri per vino usati: 

Filtri per vino usati 

Segui Guido Cocozza l’autore dell’Enoblog Enologica Petrillo su Google+

Tags:

Lascia un Commento